Come scegliere un telefono cordless

by davide prandini Email Condividi su Facebook:



Oggigiorno nella maggior parte delle case i telefoni fissi più utilizzati sono, data la loro estrema comodità, quelli cordless. I telefoni per uso domesitco, comunque, non sono tutti uguali; un'importante distinzione riguarda la tecnologia utilizzata: Dect oppure Voip. Vediamo di seguito le differenze principali.

I telefoni Dect (Digital Enhanced Cordless Telecommunication), codificati nel 1992 dalla legislazione europea rappresentano una versione più moderna dei telefoni Gsm. Naturalmente si tratta di telefoni per la rete fissa e quindi la potenza utilizzata da questi telefoni è decisamente inferiore rispetto a quella utilizzata dalle antenne dei cellulari. Nonostante ciò le basi di questi telefoni cordless si trovano in casa e quindi si creano dei campi magnetici della stessa dimensione di quelli dei cellulari. I modelli cordless sul mercato sono molteplici; tra le migliori marche segnaliamo Alcatel, Panasonic e Siemens.

I telefoni Voip, invece, consentono di effettuare e ricevere chiamate grazie allo sfruttamento della rete Internet. Un classico esempio di questa telefonia è Skype.

Il principale vantaggio di questa tipologia di telefoni è rappresentato dai minori costi delle chiamate in particolare per le chiamate all'estero. Inoltre, a differenza della telefonia tradizionale, è possibile effettuare più chiamate contemporaneamente. Con questo tipo di tecnologia c'è una totale garanzia della privacy: il Voip mette infatti direttamente in comunicazione gli utenti senza passaggi intermedi. Bisogna comunque ricordare che per questo tipo di tecnologia è necessaria la banda larga e, a volte, potrebbero esserci problemi di lentezza nella chiamata. Questi teleofoni presentano dei prezzi leggermente superiori rispetto a quelli Dect. Le offerte sul mercato sono svariate: tra i migliori segnaliamo i pdottotti Philips, Alcatel, Siemes, Snom (vai alla categoria dei prodotti SNOM).

 

 


Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook: